Il circuito intitolato ad Angel Nieto di Jerez de la Frontera ha tenuto a battesimo i primi test del 2019 per i protagonisti del Campionato Mondiale MOTUL FIM Superbike.

Reduce da una stagione trionfante, Jonathan Rea ed il Kawasaki Racing Team hanno lasciato il tracciato spagnolo con il best lap provando con continuità gli ultimi aggiornamenti della ZX-10RR. Dopo aver concluso il day1 col secondo tempo, il nord-irlandese ha dato un colpo di reni poco prima del termine della sessione, imponendosi con un crono di 1’39.160 davanti ad Alex Lowes. Il britannico del Pata Yamaha WorldSBK Team ha avuto il merito di essere il più veloce nella prima giornata di test, percorrendo circa 100 giri e consolidando la sua crescita. I progressi del pilota della Casa di Iwata sono confermati dal suo compagno di squadra Michael van der Mark, che ha lavorato sull’accelerazione e ha provato nuove impostazioni di guida della sua YZF R1. Il miglior tempo dell’olandese è stato da 1’40.145.

Leon Haslam, alla prima apparizione con il Kawasaki Racing Team WorldSBK ha dimostrato un buon feeling con la moto registrando, il terzo miglior tempo a 0.342 dal più suo compagno di box nonché leader della classifica. L’inglese è stato veloce in entrambi i giorni di test, un fatto positivo in vista dell’imminente inizio di campionato.

Il team Aruba.it Racing – Ducati ha concluso i primi test del 2019 con soddisfazione. Alvaro Bautista e Chaz Davies, che hanno messo a referto 103 e 58 giri rispettivamente nell’arco di due giorni, hanno concluso con il quarto e decimo tempo nella classifica combinata, portando avanti lo sviluppo della Panigale V4 R, la nuova supersportiva di Ducati.

Bautista, che ha adottato un approccio graduale sul tracciato recentemente sottoposto a lavori di riasfaltatura, ha continuato con buoni riscontri il proprio lavoro sull’assetto di base facendo registrare un tempo di 1’39.620, oltre due secondi più veloce rispetto al day1, chiudendo in quarta posizione. Davies è invece restato ai box più a lungo oggi, a causa di dolori alla schiena, inanellando comunque 18 giri con il decimo tempo in virtù di un 1’40.621. I piloti delle squadre clienti di Ducati, Michael Rinaldi (Barni Racing Team) ed Eugene Laverty (Team Goeleven) hanno concluso i test con il nono e il 12° tempo. Entrambi i piloti sono in una fase conoscitiva della moto e del team.

Toprak Razgatlioglu
(Kawasaki Puccetti Racing) continua ad impressionare. Il pilota turco è stato il quinto più veloce nella seconda giornata di test girando sul 1’39.942.

Giornata impegnativa anche per Marco Melandri e il suo nuovo team il GRT Yamaha WorldSBK. Il ravennate ha concluso 87 giri piazzandosi con l’ottavo miglior tempo mentre il suo compagno di squadra, Sandro Cortese, ha proseguito il suo percorso di apprendimento con la moto giapponese, finendo anche a terra nella seconda giornata.

Attardato il team BMW Motorrad WorldSBK con Tom Sykes e di Markus Reiterberger, rispettivamente in 14esima e la 15esima posizione. Entrambi i piloti si sono detti soddisfatti per i progressi fatti in questi giorni visto che stanno costruendo una moto nuova.

Conclusi i due giorni di test di Jerez si guarda avanti alla sessione di Portimao, che è in programma i prossimi 27 e 28 gennaio, prima dell’inizio della stagione 2019 in Australia a fine febbraio.

Primi test del 2019 conclusi a Jerez per i protagonisti del WorldSBK. Rea comanda il gruppo